per la tutela dei diritti umani e per lo studio del danno alla persona

LA VIOLAZIONE DELL'OBBLIGO DI INFORMAZIONE IN UNA NASCITA INDESIDERATA HA NATURA CONTRATTUALE VERSO ENTRAMBI I GENITORI

CASSAZIONE CIVILE N. 23573 DEL 2011 


Nel contatto di protezione tra  la gestante e la Università che effettua le analisi per escludere il rischio genetico, gli interessi da realizzare e tutelare attengono  alla sfera della salute in senso ampio di guisa che l’inadempimento della università debitrice della prestazione, è suscettibile di ledere i diritti inviolabili della persona e quindi anche della gestante e del padre, nel caso di nascita di persona handicappata, e del padre, che pure è giuridicamente solidale al mantenimento, alla crescita ed alla protezione del nato non sano. Pertanto sussiste il dedotto vizio di motivazione illogica e contraddittoria in ordine alla valutazione del fatto controverso come fatto dannoso lesivo di diritti inviolabili di autodeterminazione e di solidarietà familiare a protezione di minori portatori di handicap.

Scarica la sentenza

 

 

associazione valore uomo

Napoli
info@valoreuomo.it
C.F. Associazione 94181520639