per la tutela dei diritti umani e per lo studio del danno alla persona

OMESSA DIAGNOSI DI PATOLOGIA TERMINALE


Omessa diagnosi di patologia terminale e risarcibilità della perdita delle qualità della vita e del diritto di autodeterminarsi.

L’omessa diagnosi di patologia tumorale, anche se terminale, comporta l’obbligo di risarcire la perdita dichance sia in relazione ad una più lunga aspettativa di vita sia per la perdita delle qualità della vita stessa pregiudicata dai successivi interventi demolitori e cure più aggressive che si siano resi necessari per il ritardo.
E’ altresì risarcibile l’impossibilità conseguita al ritardo diagnostico, di scegliere “che fare” in relazione a tutte le possibili cure che la scienza offre ed in relazione all’impossibilità di programmare sé stessi, il proprio essere persona in vista dell’esito infausto.
La struttura sanitaria ha l’obbligo del rimborso di tutte le spese sostenute dal paziente per procurarsi successivamente le migliori cure mediche finalizzate a temperare le conseguenze negative dell’inadempimento patito.

Cassazione III^ sez. civ. sentenza n.  25154/2008

associazione valore uomo

Napoli
info@valoreuomo.it
C.F. Associazione 94181520639