per la tutela dei diritti umani e per lo studio del danno alla persona

RIFORMA DELLA RESPONSABILITA’ MEDICA

Anche il Servizio Bilancio del Senato come la Corte dei Conti boccia il Ddl 2224.

 

 

L’emananda norma continua a far parlare di sé in senso negativo, finalmente un po’tutti si stanno rendendo conto che oltre a violare i basilari diritti delle vittime determinerà un grande appesantimento delle finanze pubbliche assolutamente non bilanciata dalla riduzione dei fantomatici costi della cosiddetta medicina difensiva della quale peraltro sono ancora tutti da definire contenuti e contorni.

L’azione di rivalsa della struttura nei confronti dell’esercente la professione sanitaria - possibile, lo ricordiamo, solo in caso di dolo o di colpa grave del professionista - così come configurata dall’articolo 9 del Ddl 2224 rischia di far “scricchiolare” la promessa invarianza di spesa del provvedimento. A rilevarlo è la nota di lettura prodotta dal Servizio Bilancio del Senato, in cui si sottolinea come l’impianto del testo e il combinato disposto degli articoli 7 e 9 di fatto siano tesi a «rendere più difficile» e comunque «meno proficua» l’azione di rivalsa delle strutture socio-sanitarie verso medici&Co. Vincolare la possibilità di azione a dolo o colpa grave, prevedere l’onere della prova a carico del danneggiato con conseguenti ricadute sul termine della prescrizione e fissare il paletto del triplo della retribuzione annua alla misura della rivalsa stessa: sono tutti elementi che potrebbero determinare possibili riflessi negativi sulla finanza pubblica, sia in termini di attribuzione di responsabilità sia di ammontare della rivalsa. Effetti che saranno bilanciati dal minor ricorso alla medicina difensiva, tra i principali obiettivi dichiarati della legge. Poiché ad oggi questi ultimi non sono quantificabili, rilevano ancora dal Servizio Bilancio, «secondo principi di prudenza contabile» è opportuno considerare la norma, nel suo complesso, potenzialmente onerosa.

Non solo: il Servizio Bilancio si sovrappone parzialmente alle critiche già mosse al provvedimento dalla Corte dei conti, suggerendo un «supplemento di valutazione» sulla scelta di sottrarre l’azione di rivalsa alla magistratura contabile per assegnarla al giudice ordinario. Una previsione che potrebbe determinare un incremento delle azioni di rivalsa da parte dei pubblici funzionari del Ssn interessati, per evitare a loro volta di incorrere nell’azione di responsabilità erariale, «senza procedere a un previo discernimento sulla natura della colpa del sanitario». Una “fuga in avanti” sulle azioni di rivalsa, in netto contrasto con la ratio dell’assetto normativo, ma anche potenzialmente foriera di oneri di giudizio “inutuli” perché correlati a procedimenti «destinati in gran parte ad estinguersi».

Infine, rilevano dal Servizio Bilancio del Senato, servirebbe un chiarimento sull’ambito di operatività della rivalsa da parte della struttura verso l’operatore, che «dovrebbe operare soltanto nei casi di adozione di misure analoghe alternative all’assicurazione». In caso di presenza di copertura sanitaria obbligatoria, infatti, il patrimonio dell’ente pubblico dovrebbe rimanere indenne, salvo i danni inferiori alle franchigie o superiori ai massimali stabiliti contrattualmente.

 

Poi, si passa al Fondo di garanzia per danni previsto dall’articolo 4 del provvedimento. «Riflessi negativi sul gettito fiscale atteso» dalle assicurazioni deriveranno, secondo il Servizio Bilancio, dalla deducibilità del contributo obbligatorio pro Fondo. Fondo che non può avere delle limitazioni di risarcimento: «poiché si tratta di diritti soggettivi riconosciuti con sentenze - si legge nel documento - la finanza pubblica dovrà farsi carico della parte eccedente».

Il parere del Servizio Bilancio del Senato 

Notizie

Dott. Sabino Cavaliere - Responsabile dell'Ufficio Relazioni Istituzionali

L'Associazione Valore Uomo in prima linea nella difesa dei diritti umani

La battaglia della mamme del coordinamento dei ragazzi affetti da disabilita' ottiene un cospicuo finanziamento a favore della cooperativa Fleming. Siamo orgogliosi di aver partecipato a questa battaglia di dignita' e di civilta'.

CONVEGNO - MOBILITAZIONE SULL'INCOSTITUZIONALITA' DELLE MODIFICHE AL CODICE ASSICURATIVO

Audizione Associazione Valore Uomo alla Camera dei Deputati - XII Commissione Affari Sociali

LA VALUTAZIONE MEDICO LEGALE DEL DANNO PSICHICO IN RESPONSABILITA' CIVILE

DICHIARAZIONE DI INTENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA MEDICINA DI GENERE

A volte ritornano: sembrava un pericolo scampato e invece… si rivede la mediazione obbligatoria

PASSO INDIETRO SUL DECRETO TAGLIA-RISARCIMENTI

Il 23 ottobre si e' tenuta a Roma la protesta dell’Avvocatura Italiana

CORSO BIENNALE DI ALTA FORMAZIONE

FILTRO ALL’AMMISSIBILITA' DELL’APPELLO APPROVATO IL DECRETO SVILUPPO D.L. N. 83 DEL 22 GIUGNO 2012

Danni di lieve entita'

DECRETO LIBERALIZZAZIONI - CAMBIA ANCHE LA "MESSA IN MORA"

Carta di Nizza

IL RISARCIMENTO INTEGRALE DEL DANNO ALLA PERSONA NELLE SENTENZE GEMELLE

Le nuove Tabelle di Milano: gia' superate?

Nuovo Codice delle Assicurazioni Private

“Analisi della giustizia civile. Un’idea di riforma” di Antonio Lepre

Il Metropolis riporta il nostro articolo

Un concorso per gli studenti contro la violenza sulle donne. La Scuola e' LA CASA DEI VALORI. L’associazione Valore Uomo lancia l’iniziativa per le scuole superiori, molti Licei, anche della Capitale, hanno gia' aderito.

Il nostro Concorso anche sul Roma

DDL Concorrenza del 20.02.2015

RIFORMA DELLA RESPONSABILITA’ MEDICA

Valore Uomo: dl Gelli non è deterrente contro medicina difensiva (agenzia AskaNews)

ECCO L'ELENCO DELLE SOCIETA' SCIENTIFICHE ABILITATE ALLA VALIDAZIONE DELLE LINEE GUIDA DI CUI ALLA LEGGE 24/2017 GELLI - BIANCO

La nostra battaglia continua....sul "Roma"

...e sul metropolis

Anche "Il Mattino" riprende la battaglia per l'assistenza domiciliare nell'ambito 26

AUDIZIONE DEL 30 MARZO 2016 SULLA RIFORMA DELLA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE SANITARIA DI CUI AL DISEGNO DI LEGGE N.2224 DELLA CAMERA DEI DEPUTATI, UNIFICATO CON I NN.1134 E 1648 DEL SENATO.

ILLEGITTIMO IL REGIME DI TUTELA SOCIALE PREVISTO IN ITALIA PER I GIUDICI DI PACE

associazione valore uomo

Napoli
info@valoreuomo.it
C.F. Associazione 94181520639